salta al contenuto

Esecutore testamentario: rinuncia

 

Chi fa testamento può nominare uno o più esecutori testamentari. 
L’esecutore testamentario deve curare che siano esattamente eseguite le disposizioni di ultima volontà del defunto. 
L’esecutore testamentario può decidere di non accettare l’incarico. In tal caso deve fare espressa rinuncia in tribunale. 
Inoltre, chiunque vi abbia interesse, può chiedere all’autorità giudiziaria di assegnare all’esecutore un termine per l’accettazione, trascorso il quale inutilmente si considera rinunziante.

Normativa di riferimento: articoli 700 e seguenti cc

Dove:
Colui il quale è nominato esecutore testamentario e non vuole accettare l’incarico si deve recare alla cancelleria del tribunalecivile del luogo ove la persona deceduta aveva l’ultimo domicilio per dichiarare di accettare la nomina.

Fonte: Ministero della Giustizia

 

L'esecutore testamentario nominato che vuole rinunciare all'incarico deve farlo con una dichiarazione ricevuta dal cancelliere del Tribunale competente (Tribunale dell'ultimo domicilio del defunto).

Per la redazione dell'atto di rinuncia della carica di esecutore occorrono:

  • copia conforme della pubblicazione del testamento
  • documento valido d'identità di colui che rifiuta
  • codice fiscale del defunto e di colui che rifiuta
  • marca da bollo da € 16,00

L'assistenza di un difensore e' facoltativa.

La rinuncia si effettua presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione e l'atto viene formalizzato in giornata, previo appuntamento.

Tribunale di Rieti - Piazza Bachelet, 1 02100 - RIETI - C.F. 80018150575
E-mail: tribunale.rieti@giustizia.it

Sito realizzato da Edicom Finance

CSS Valido! Valid XHTML 1.0 Transitional